Death Stranding sarà open-world con modalità co-op online

Kojima Productions Artwork

Kojima è salito sul palco del Tokyo Game Show 2016 offrendo alcune informazioni sul suo nuovo progetto.

Hideo Kojima è salito sul palco della conferenza Sony al Tokyo Game Show 2016 per parlare di Death Stranding, il suo nuovo progetto, di cui ha fornito nuove informazioni.

Innanzitutto, lo sviluppatore ha svelato il significato del titolo, spiegando di aver preso ispirazione dal fenomeno dello spiaggiamento di balene e delfini, in inglese "mass stranding", che viene definito "death stranding" quando i mammiferi marini muoiono arenandosi sulle coste. Nel gioco, invece dei cetacei, ad essersi "arenato" sulla Terra è un "qualcosa" proveniente da un altro mondo.

Kojima ha poi spiegato che Death Stranding sarà un titolo open-world che offrirà moltissima libertà ai giocatori e avrà anche una componente cooperativa online, anche se non è stato specificato, durante l'intervento del maestro giapponese, se sarà la campagna ad essere giocabile in co-op o solo alcune specifiche missioni o modalità.

Lo sviluppatore infine ha rivelato di aver finalmente deciso quale motore grafico usare per la produzione, senza rivelare la sua scelta ovviamente, e ha spiegato che con Death Stranding e la rinata Kojima Productions vuole dimostrare che gli studi indie possono produrre titoli AAA: il gioco, infatti, supporterà anche il 4K e l'HDR.

Restate con noi per tutte le altre notizie dal Tokyo Game Show 2016 e su Death Stranding di Hideo Kojima.

Kojima sul palco del Tokyo Game Show 2016